.Il personaggio di Félicie de Fauveau è tanto emblematico quanto unico. Nostalgica per un’epoca che non ha vissuto, monarchica, cattolica, celibe e femminista, questa scultrice ha impegnato la sua vita e la sua arte per difendere un’utopia politica, esprimendosi soprattutto attraverso l’immagine messa al servizio della Storia.
Félicie de Fauveau par Ary Scheffer, Musée du Louvre 1829 - © RMN - Grand Palais (Musée du Louvre) Michel Urtardo
Ritratto di Félicie de Fauveau di Ary Scheffer, 1829. Museo del Louvre di Parigi. RMN - Grand Palais (Museo del Louvre) / Michel Urtado

Félicie de Fauveau è nata il 24 gennaio 1801 a Livorno, è la maggiore di una famiglia di 4 figli e suo padre, Alexandre de Fauveau, discende da una famiglia di finanzieri nobilitati nel 1740, che si stabilì in Italia poco prima della Rivoluzione.

Nel 1814, durante la Restaurazione, la famiglia de Fauveau, rovinata da cattivi investimenti, tornò in Francia. A Parigi, sua madre teneva un salone nella Nuova Atene, vicino a quello della duchessa di Berry, che Félicie frequentava, avevano entrambi la stessa età. È stato grazie alle sue frequentazione e i suoi amici che ha deciso di diventare un’artista. Ha iniziato a dipingere, lavorando nello studio di Louis Hersent, poi, sotto l’ispirazione di Paul Delaroche, si è dedicata ad approfonditi studi di storia, araldica, arte medievale e scultura con il fratello minore Hippolyte. Poiché lo studio di Fauveau si trovava allora accanto a quello del pittore Ary Scheffer, è lì che ha trovato la sua passione per il Medioevo.

Félicie de Fauveau, anonimo, 1840 ca. Les Lucs sur Boulogne, Historial de Vendée. Historial de Vendée

Per provvedere alla sua famiglia, e senza dubbio spinta da una profonda aspirazione, Fauveau si è “professionalizzata”: è stata la prima donna scultrice a guadagnarsi da vivere con la sua arte. A 26 anni debutta al Salon con un colpo da maestro: un gruppo in bassorilievo (ispirato a Walter Scott)Christine de Suède. Il gruppo vince il voto e si guadagna la sua innegabile fama. Durante la sua visita al Salon, Alexandre Dumas si è fermato davanti ad esso e ha deciso di usarlo come ispirazione per uno spettacolo teatrale, Christine, che è stato messo in scena al Théâtre Français sei mesi dopo.

Cristina, regina di Svezia, rifiuta di perdonare il suo scudiero Monaldeschi. Félicie de Fauveau, 1827. Museo Municipale di Louviers © Taylor & Francis Group

Le cose cambiarono nel 1830, dopo l’abdicazione di Carlo X. Félicie rivendicando la sua fedeltà ai Borboni, si oppose al nuovo Re dei francesi Luigi Filippo, accanto a Félicie de Duras, contessa di La Rochejaquelein, che accompagnò in Vandea. Nonostante gli oggetti d’arte decorativa militante che produceva per i suoi compagni d’armi, questo periodo segna una svolta nella sua carriera: l’artista atipico lascia il posto all’affascinante eroina della Vandea.

Tuttavia, fu arrestata nel novembre del 1831 e trascorse alcuni mesi in prigione. Fu infine assolta nel febbraio 1832 e tornò immediatamente in Vandea su appello della contessa de La Rochejaquelein per partecipare attivamente alla fallita rivolta del 1832 (quinta guerra di Vandea). Lo stesso anno, la duchessa di Berry fu arrestata, e Félicie de Fauveau e Félicie de Duras, processate in contumacia nel 1833, furono condannate alla deportazione a vita e quindi costrette ad andare all’estero illegalmente.

Arresto della duchessa di Berry a Nantes il 7 novembre 1832, Jean Henri Marlet, XIX secolo, Bibliothèque nationale de France.

Félicie de Fauveau si stabilisce a Firenze, prima in esilio forzato poi volontario, poiché vi rimane fino alla morte, nonostante l’amnistia del 1837. Viene accolta dallo scultore Lorenzo Bartolini e da allora si dedica completamente alla scultura.

Officina di Félicie de Fauveau, Firenze 1862. Storico della Vandea

Creò una sua bottega a Firenze, frequentata dagli amanti dell’arte e dai curiosi, ma che vide anche le visite di personalità prestigiose come il Conte di Chambord o lo Zar Nicola I (nel 1845 o nel 46?).

Félicie e Ippolita - Fontana con ninfa e delfino, commissionata dallo Zar. 1846-48. San Pietroburgo, Museo dell'Ermitage. Didier Rykner

A Firenze, per cinque decenni, ha dato alla statuaria monumentale e domestica le forme di un’estetica ispirata neogotica e neorinascimentale. La sua lampada di San Michele ne era il manifesto.

Lampada di San Michele, Félicie de Fauveau, 1829-1830. Museo del Louvre, Parigi.
Dettaglio, Lampada di Saint Michel, Félicie de Fauveau, 1829-1830. Museo del Louvre, Parigi.

Senza fuggire nella nostalgia, e con la lucidità dei romantici, Félicie de Fauveau persegue l’iscrizione in scultura delle regole del pensiero e della morale che hanno fatto l’antico regimo di Francia. Realizza di fatto molti ritratti, “È la parte bella dell’arte che i ritratti sono e ciò per cui si paga meglio” (Félicie) Con questi ritratti rimane comunque fedele alle sue convinzioni, accettando solo le commissioni dei suoi parenti, degli stranieri monarchici e dei nobili francesi legittimisti che si affollano nel suo studio.

Busto ritratto della marchesa Boccella, Félicie e Hippolyte de Fauveau, 1851. Collezione privata © Museo d'Orsay / Patrice Schmidt
Il Duca di Bordeaux, Conte di Chambord, futuro Enrico IV. Historial de la Vendée, les Lucs sur Boulogne. Consiglio generale della Vandea, conservazione dipartimentale.

Ammiratrice dello scultore e orafo del rinascimento Benvenuto Cellini, Félicie de Fauveau si dedica come lui alla scultura e alle arti decorative. Disegna pugnali cerimoniali, cornici, gioielli e pomelli di canna. Tuttavia, non sacrifica il suo lavoro alla produzione seriale remunerativa: le sue opere sono il più delle volte uniche.

HAUSSE~1
Hausse-col della Duchessa di Berry, 1831, bronzatore Emile Jeannest. Lucs sur boulogne, Historial de Vendée. Patrick Durandet, consiglio generale delle vendite.

Apparteneva alla generazione che, affascinata dal Medioevo, aveva scoperto il Museo dei Monumenti francese dove Alexandre Lenoir aveva raccolto le opere salvate dal vandalismo del Terrore. Ma Felicie aveva in parti uguali una passione da “antiquaria”, da collezionista, e la volontà di far risorgere nella sua opera il periodo medievale che, per ragioni politiche e religiose, era il suo ideale.

Fotografia di Félicie de Fauveau, accanto alla scultura di Sant'Antonio da Padova, dei fratelli Alinari, 1860 ca. Raccolta privata

Félicie de Fauveau morì il 12 dicembre 1886 a Firenze, dove è sepolta nel cimitero di San Felice a Ema. Purtroppo cadrà nell’oblio alla fine del XIX secolo, non avendo più nulla per compiacere un XX secolo repubblicano e laico.

Per saperne di più

La prima retrospettiva che gli è stata dedicata risale al 2013, quando una mostra organizzata dall’Historial de Vendée e dal Musée d’Orsay ha riunito le sue opere, oggi sparse e poco visibili. Vi consiglio quindi di sfogliare il catalogo della mostra.

catalogue-d-exposition-félicie-de-fauveau-l-amazone-de-la-sculpture-musée-d-orsay
Catalogo della mostra: Félicie de Fauveau, L'amazzone della scultura. Museo d'Orsay e Historial de

Per scoprire le opere di Félicie de Fauveau a Parigi, andate al Museo del Louvre, che ha acquisito due delle sue opere abbastanza recentemente.

Nel 2013, il Louvre ha acquistato la lampada all’Arcangelo San Michele da Charles Janoray a New York, che ora si trova nel dipartimento di arte decorativa del Louvre.

Nel 2018, la Statua di Santa Reparata in terracotta policroma è stata acquistata per 78.000 euro e ora fa parte del dipartimento di scultura del Louvre.

Lampada di San Michele, Félicie de Fauveau, 1829-1830. Museo del Louvre, Parigi.
Santa Reparata, Hippolyte e Félicie de Fauveau, 1855. Museo del Louvre, Parigi
0
YOUR CART
  • No products in the cart.