Nel dettaglio: Impressione, Sole nascente

10 Giugno 2020

Uno dei primi musei a riaprire dopo il confinamento è il museo Marmottan Monet. Durante una visita al museo, dove si trova la più grande collezione al mondo di opere di Claude Monet, mi sono trovata di fronte ad c uno dei suoi primi capolavori: Impressione, Sole nascente.

Claude Monet nel suo studio a Giverny

 

Dipinto nel 1872-73, è senza dubbio uno dei quadri più noti di Claude Monet, ma anche uno dei più noti della storia dell’arte, poiché ha dato il nome al movimento impressionista.

Se quest’opera è una pietra miliare nella storia della pittura, ha comunque richiesto solo poche ore di lavoro a Claude Monet e rimane oggi un’opera fondante per la carriera di questo pittore eccezionale, uno dei leader del movimento impressionista. Nato nel 1840, Claude Monet è all’origine, con i suoi amici Sisley, Pissarro, Renoir e molti altri, della nascita di questa corrente antiaccademica a metà degli anni 1870. La scelta dei temi, il tocco visibile, l’espressione del movimento, tante caratteristiche che hanno scioccato la critica dell’epoca. Eppure l’impressionismo, e il suo rappresentante più illustre Monet, passerà alla storia e influenzerà un’intera generazione di nuovi artisti.

 

Impressione, sole nascente, Claude MONET (1840-1926). 1872, olio su tela, 50 × 65 cm. Parigi, Musée Marmottan Monet, donato da Victorine e Eugène Donop de Mouchy, 1940 © Bridgeman Images

Ma torniamo a questo quadro, che Claude Monet aveva originariamente chiamato: Vue du Havre (Veduta di Le Havre) . Scelse di esporlo nell’aprile del 1874, per la prima mostra della Società anonima di pittori, scultori e incisori. Un gruppo di trenta artisti, la maggior parte dei quali non condivideva le opinioni convenzionali della giuria del Salon ufficiale, ha deciso di allestire una propria mostra nei saloni del fotografo Nadar al 35, boulevard des Capucines a Parigi.

Fotografia degli Studios di Nadar, 35 boulevard des Capucines a Parigi.

Più tardi, Claude Monet ricorderà questa prima mostra da Nadar e confiderà a Maurice Guillemot, giornalista della Revue illustrée:

“Il paesaggio è solo un’impressione, e istantanea… Avevo mandato qualcosa fatto a Le Havre, dalla mia finestra, il sole nella nebbia e in primo piano alcuni alberi di navi che puntavano… Mi è stato chiesto il titolo per il catalogo, non poteva passare per una vista di Le Havre, ho risposto: “Metti Impressione”. Edmond Renoir, che ha scritto il catalogo della mostra, lo ha completato con “Sole nascente”.

Il titolo è dato! Monet non è il primo a usare questo terminedi  “impressione”, ma la sua pittura lo renderà popolare. Sopratutto anche grazie ai commenti ironici del critico d’arte del Charivari, Louis Leroy, che nel 1874 scrisse un articolo beffardo su questa prima mostra dei futuri impressionisti. In esso, Leroy individuò un particolare dipinto di Monet e scrisse:

Cosa rappresenta questo quadro? Impressione! Impressionante, ne ero sicuro. Ho anche pensato, visto che sono impressionato, che ci deve essere qualche impressione.

Ha persino intitolato il suo articolo La mostra degli impressionisti, aggiungendo che “La carta da parati allo stato embrionale è ancora più fatta di questo porto turistico”, prendendo in giro il tocco veloce di Monet, che dà alla tela un aspetto incompiuto.

Charivari, CHAM 1874 –  Caricatura sull’impressionismo alla loro prima mostra. “La pittura impressionista, una rivoluzione della pittura iniziata con il terrore”

 

Ora guardiamo il dipinto più in dettaglio, soprattutto il sole. È senza dubbio il punto centrale della composizione. Si distingue per le sue tonalità calde e nitide, in mezzo all’atmosfera fredda e nebbiosa del porto. Sono stati effettuati numerosi studi su questo sole splendente. Alcuni storici hanno espresso dubbi sulla sua natura: sole al tramonto o nascente? Così, nel 2014, il Museo Marmottan ha pubblicato uno studio approfondito sulla datazione dell’opera. Grazie allo studio dei dati topografici, come le maree, le previsioni del tempo e le traiettorie celesti, è certo che si tratta proprio del sole nascente. Gli inquirenti hanno persino proposto una data precisa per la sua esecuzione: il 13 novembre 1872 alle 7:35 del mattino, 30 minuti dopo l’alba. Claude Monet dipinse questo quadro in poche ore, dalla sua stanza d’albergo sul Quai de Southampton a Le Havre. Non sapeva allora che avrebbe segnato una vera e propria svolta nella Storia dell’Arte!

Impressione, sole nascente (dettaglio) © Bridgeman Images

Impressione, sole nascente (dettaglio) © Bridgeman Images

Sullo sfondo, possiamo vedere il porto industriale di Le Havre. Nato nel 1840 a Le Havre e cresciuto lì, la città assume per Monet un carattere speciale, il porto è un paesaggio che conosce bene e uno dei suoi temi preferiti. Lo rappresenta qui in questa marina industriale, una vera e propria rappresentazione della Rivoluzione Industriale allora molto recente, e che affascina molti artisti. Il fumo delle fabbriche offusca la luce del sole nascente, cambiando l’atmosfera e i colori e dando l’impressione di una nebbia londinese. In primo piano spicca la sagoma di una barca occupata da due pescatori, in un mare la cui acqua ha un colore blu-verde. Un po’ più avanti, una seconda barca rafforza l’effetto della profondità.

Impressione, sole nascente (dettaglio) © Bridgeman Images

Monet non è il primo a dipingere albe e tramonti sulla città. Si è ispirato in particolare ad alcune opere di William Turner, anch’egli precursore dell’arte moderna. In Impressione, Sole nascente, Monet non esita a rappresentare non una scogliera o una spiaggia, ma un porto, per di più industriale.

Tramonto sul porto nel 1832 per il Tour annuale di Turner, William Turner. Guazzo e acquerello su carta blu, 1834. Tate, Londra.

 

Tramonto scarlatto, William Turner. Acquerello e guazzo su carta, 1830-40. Tate Gallery, Londra

Con Impressione, Sole nascente, troviamo diversi temi cari a Monet: l’illustrazione del boom industriale del XIX secolo, la rappresentazione dell’acqua, l’iscrizione della silhouette umana nel paesaggio. Ma soprattutto, il dipinto esprime appieno la ricerca essenziale di Monet: la resa del momento, la percezione luminosa dell’atmosfera che circonda le cose. Sul fondo della tela, sull’acqua, Monet arriva ad aggiungere lunghi tocchi di contrasto, a rappresentare il movimento dell’acqua e i suoi riflessi.

Impressione, sole nascente (dettaglio) © Bridgeman Images

 

Questo modo di mettere la pittura sulla tela è veramente rivoluzionario, e tutta la pittura di Monet ha un aspetto rivoluzionario. Questo è particolarmente evidente se lo si confronta con una scena simile dipinta qualche anno dopo dal suo maestro Eugène Boudin, che era considerato come avendo uno stile moderno!

Le Havre, Bassin de L’Eure, Eugène Boudin, olio su tela, 1881.

 

Impressione, Sole nascente passerà di mano in mano, in modo singolare. Dopo la mostra, il dipinto fu venduto nel 1874 al collezionista Ernest Hoschedé, per il considerevole prezzo di 800 franchi (l’equivalente di 3000dell’epoca). Monet non sa ancora che presto amerà e alla fine sposerà Alice Hoschedé, la moglie di Ernest. Quando Hoschedé va in bancarotta, la sua collezione viene dispersa in una vendita. Per Impressione, le offerte non superano i 210 franchi. L’acquirente lo vende poi a Donop de Monchy, il suo ultimo proprietario privato. Nel 1957, Impression, sole nascente viene lasciato in eredità all’Accademia di Belle Arti e conservato al Marmottan Museum dov’è stato rubato nel 1985¹!

Fortunatamente, è stato recuperato cinque anni dopo, nel 1990, e può ancora essere ammirato nel museo parigino, dove vi consiglio vivamente di andare, perché al momento non c’è nessuno!

Se non potete venire a Parigi ancora, vi raccomando di fermarvi la prossima volta che venite, e di fare una visita guidata con la vostra guida preferita 😉


¹ Per saperne di più sul furto del 1985 e sulla riscoperta dei dipinti : https://www.lemonde.fr/archives/article/1990/12/07/voles-en-1985-au-musee-marmottan-neuf-chefs-d-oeuvre-impressionnistes-ont-ete-retrouves-en-corse_3978918_1819218.html

Leave a comment