Focus su: Vincent Van Gogh

30 Marzo 2020

Autoritratto con cappello di feltro, 1887. Museo Van Gogh, Amsterdam

Vincent Van Gogh, figlio di un pastore, nacque il 30 marzo 1853 a Zundert. Figlio instabile ma dotato per il disegno, Vincent ha tra i suoi zii il fondatore, a Parigi, della galleria d’arte Goupil. Per imparare il mestiere dell’arte, Vincent fu inviato nelle filiali della galleria a L’Aia (1869) e poi in quelle di Bruxelles e Londra (1873-1876). Dopo una serie di insuccessi romantici, si rifugia nel misticismo e nello scrivere lettere al fratello Theo, che saranno uno sbocco per i problemi della sua anima. Dopo diversi anni di vagabondaggio solitario, la pittura ha la precedenza sulla predicazione e comincia a dipingere all’età di 27 anni!

Nel marzo del 1886, Van Gogh arriva a Parigi, dipinge vedute della capitale, ma anche molte nature morte. Si stabilisce con il fratello Theo, che gli dà una rendita da 850 a 900 euro al mese. Prende lezioni di disegno in uno studio dove incontra il pittore Émile Bernard, ma questo insegnamento non gli ispira molto e decide di cercare la sua propria strada, ispirandosi ad artisti come Jean-François Millet.

Fritillarie in un vaso di rame, 1886-1887. Musée d’Orsay, Parigi.

 

Per perfezionare il suo lavoro, voleva trovare cieli diversi da quelli di Parigi. Fu allora che si trasferì ad Arles, nel sud della Francia nel febbraio 1888. Abbagliato dalla luce del Sud, Van Gogh avrebbe fatto del colore l’oggetto stesso del suo lavoro, e non più un componente di esso.

Trois versions presque identiques réalisées par Van Gogh.

Camera ad Arles, 1889, Musée d’Orsay, Parigi.

 

Vivendo da solo tra gli arlesiani che si diffidavano di questo straniero, Van Gogh cade in depressione. Eppure non ha abbandonato il suo sogno di creare una comunità di pittori. Finalmente convinse Gauguin a raggiungerlo ad Arles nel 1888. Pero, Van Gogh non sopportava la follia di quest’ultimo e, la sera del 23 dicembre 1888, dopo un litigio più violento dei precedenti, Van Gogh afferrò un coltello e si tagliò l’orecchio sinistro, che poi portò a una prostituta.

Autoritratto con orecchio bendato, 1889. Collezione privata.

Nota e schizzo del dottor Rey, della ferita di Van Gogh

 

 Van Gogh fu internato, alla sua propria richiesta, l’8 di maggio 1889, all’ospedale Saint Paul de Mausole, a 2 km da Saint Rémy. È rimasto rinchiuso quasi un anno senza ricevere alcuna terapia specifica. Il suo medico curante, il dottor Peyron, diagnosticava le crisi epilettiche a intervalli frequenti. Non appena sarà rilasciato, dovrà lasciare Arles sotto la pressione degli abitanti, che erano spaventati.

 

Alberi nel giardino dell’ospedale di San Paolo a Saint Remy, 1889. Hammer Museum of Art, Los Angeles.

Terribilmente indebolito, Van Gogh accetta di andare ad Auvers sur Oise, dove vive il dottor Paul Gachet, amico di Renoir, Manet e Cézanne. Appena arrivato nel maggio del 1890, Van Gogh rimase incantato da questo villaggio “seriamente bello” e “molto colorato” e dalla campagna circostante, vi rimase per 70 giorni e dipinse 76 quadri. L’incontro con il medico lo avrà rallegrato dopo la sua permanenza al asilo, riceve dal dottor incoraggiamenti e conforto.

 

Ritratto del Dr Gachet, 1890. Musée d’Orsay, Parigi.

Vincent Van Gogh vive un periodo di estrema felicità ad Auvers, ma tutto cambia all’inizio di luglio, quando viene a sapere che suo nipote è gravemente malato, e che il suo rapporto con il fratello si sta deteriorando… Tutti i suoi tormenti riemergono, dipinge il suo ultimo quadro il 10 luglio: Campo di grano con corvi.

Campo di grano con volo di corvi, 1890. Museo Van Gogh, Amsterdam

 

Il 27 luglio 1890, durante una passeggiata, Van Gogh si sparò al petto. Nonostante le cure di Gachet, morì due giorni dopo, il 29 luglio 1890. Sparisce così, in modo quasi anonimo, un artista che avrà firmato più di 800 dipinti, ma che, nel corso della sua vita, ne avrà venduto solo uno, La vigna rossa , acquistato a Bruxelles nel 1890 per un valore di 800€.

La Vigna rossa, 1888. Museo delle Belle Arti Pushkin, Mosca

Vincent Willem Van Gogh è sepolto oggi nel cimitero di Auvers sur Oise, con suo fratello Theo, morto 6 mesi dopo a Utrecht, devastato dalla sifilide, impazzito e paralizzato. Fu nel 1914 che il corpo di Theo fu trasferito ad Auvers.

Tombe di Vincent e Theo Van Gogh ad Auvers sur Oise.

È mai stato possibile diagnosticare i problemi di salute di Vincent Van Gogh? Non tanto, ma ci sono molte teorie: era bipolare, alcolizzato, forse epilettico, soffriva di vertigini di Ménières (che gli davano l’acufene, forse il motivo per cui si era tagliato l’orecchio!) Usava anche molta trementina per pulirsi dalla pittura che poteva averlo intossicato, e quindi dargli allucinazioni.

Vi siete mai chiesti come sarebbe se Van Gogh sapesse quanto sono famose le sue opere? Date un’occhiata a questa scena di Doctor Who: https://www.youtube.com/watch?v=ubTJI_UphPk.


Leave a comment