Donne Artiste: Rosa Bonheur

22 Maggio 2020

Famosa pittrice animale francese del XIX secolo, particolarmente nota in Inghilterra e negli Stati Uniti, Rosa Bonheur conduceva una vita eccentrica e convenzionale, una vita piena di libertà!

Consuelo Fould, Ritratto Rosa Bonheur, 1892-1893. Leed Art Gallery

Marie-Rosalie Bonheur è nata il 16 marzo 1822 a Bordeaux, ha avuto un’infanzia rurale e dorata in campagna, al Château de Grimont, dove è nato il suo interesse per la vita rurale e gli animali.

In seguito a disavventure familiari, i suoi genitori Bonheur si sono trovati senza un soldo e sono dovuti partire per Parigi. Suo padre, Raimond Bonheur, un modesto pittore paesaggista, ha abbandonato la sua famiglia in miseria, ma è anche colui che ha formato Rosa alla pittura e l’ha spinta a diventare una donna libera. Per l’aneddoto, suo padre le permette in particolare di allevare una pecora sul balcone del sesto piano del loro appartamento! Questo incoraggiamento paterno non è insignificante in un momento in cui la professionalizzazione e il riconoscimento delle donne nell’arte sono ben lungi dall’essere raggiunti.

Eugène Disderi, Fotografia di Rosa Bonheur, 1861-1864. Getty Center

All’età di 13 anni, Rosa abbandona il suo lavoro di sarta per dedicarsi interamente alla pittura e al disegno. Lavorò come apprendista in bottega, che ebbe poi un ruolo fondamentale nella conquista del diritto alla formazione artistica per le donne (fu solo nel 1897, in seguito all’azione di femministe, che le donne furono ammesse alla Scuola di Belle Arti). Rosa si recò al Louvre dove le fu permesso di copiare le opere che le piacevano, Ad eccezione dei nudi, che rimangono proibiti alle donne (spiega perché le pittrici si siano dedicate maggiormente alle nature morte e ai paesaggi), ha anche fatto i suoi primi studi di paesaggio nel Bois de Boulogne.

Nel 1837, Raymond Bonheur riceve la commissione da un signor Micas che voleva un ritratto della figlia Nathalie. È amore a prima vista tra le due ragazze: Rosa ha 14 anni, Nathalie ne ha 12; saranno finalmente separati solo dalla morte di Nathalie nel 1889.

Nathalie Micas e Rosa Bonheur in Nizza nel 1882

 

Dal 1841 – ha 19 anniRosa espone ogni anno al Salone di Parigi. Nel 1848, grazie al dipinto Buoi e Tori, una razza Cantal, riceve una medaglia d’oro. Grazie a questa medaglia, hanno seguito commissioni sempre più frequenti e meglio pagate, sia dallo Stato che da ricchi dilettanti.

 

Buoi e Tori, una razza Cantal, Rosa bonheur 1848

Lo Stato commissiona anche per 3.000 franchi, una scena di aratura: Le Labourage Nivernais, che è stata la sua prima grande opera, una sfida e un trionfo: le sue grandi dimensioni (1,34 m x 2,60 m), sono state considerate esorbitanti da una donna che misurava solo 1,50 m! Questo quadro le farà guadagnare sia un premio che un’associazione con George Sand, che  imporrera il dipinto al Salon del 1849. Il dipinto fu presentato anche all’Esposizione Universale di Parigi del 1889.

Le Labourage Nivernais, 1849. Museo d’Orsay

Per studiare meglio gli animali e migliorare le sue conoscenze anatomiche, Rosa Bonheur ha partecipato alle fiere del bestiame, non esitando a visitare i macelli o a sezionare le carcasse acquistate dal suo macellaio. Questo le ha giustificato l’uso dei pantaloni, diceva: “Che noia essere limitata nei suoi gesti quando sei una donna!” Nel 1852 ottenne dalla prefettura di polizia il permesso di indossare i pantaloni. Questa “richiesta di travestimento” non sarà abrogata fino al… 2013!

“Permesso per il travestimento concesso a Rosa Bonheur” Parigi, 12 maggio 1852 Noi, Prefetto di Polizia, […] Autorizziamo la signorina Rosa Bonheur che vive a Parigi, rue … n. 320 a vestirsi da uomo; per motivi di salute non può, sotto questo travestimento, apparire a spettacoli, balli e altri luoghi d’incontro aperti al pubblico. La presente autorizzazione è valida solo per sei mesi, a partire da questo giorno. “

Anticonformista e trasgredendo i codici di femminilità allora concordati, Rosa Bonheur si rifiuta di sposarsi, vivrà con la sua amica d’infanzia Nathalie Micas, porta i capelli corti, fuma sigari e va a cavallo, non come amazzone, ma come uomo.

Rosa Bonheur alla residenza di By

 

Nel 1853, un gigantesco dipinto (2,44 m x 5,06 m), Le Marché aux chevaux, conquistò a Rosa Bonheur un successo e un elogio internazionale, che tuttavia ridusse il suo talento a qualità che non possono che essere maschili:

“È davvero un quadro da uomo, nervoso, solido, pieno di franchezza. »

“Lei fa arte seriamente, e noi possiamo trattarla come un uomo. “Théophile Gautier.

 

Le marché aux chevaux, 1852-1855. Metropolitan Museum of Art, New York.

 

Rosa va in Inghilterra con il suo dipinto e seduce i suoi interlocutori con le sue maniere originali ma piacevoli. Ora ha i suoi commercianti, un pubblico internazionale e abbastanza soldi per continuare a fare ciò che ama: celebrare gli animali e descrivere con il suo stile realistico il lavoro nei campi e la vita rurale in Francia.

Nel 1860, Rosa Bonheur si trasferì al castello di By, ai margini della foresta di Fontainebleau, dove fece costruire il suo studio e allestice uno spazio molto grande per i suoi animali: mufloni, cervi, cinghiali, pecore, cavalli, buoi, cani e persino una coppia di leoni, il maschio in gabbia, la femmina “Fatma” allo stato brado.

 

Nel 1865 fu la prima donna ad essere promossa Ufficiale della Legione d’Onore, che le fu conferita dall’imperatrice Eugenia. Ha scatenato la furia degli scrittori per i quali era una “usurpazione”.

Nel 1889, poco dopo la morte di Nathalie Micas, il colonnello Cody, il leggendario “Buffalo Bill”, di passaggio in Francia con i suoi cowboy e gli indiani per l’Esposizione Universale, venne a trovarla a By. È un fervente sostenitore del voto delle donne e vuole conoscere la piccola “francesina” che descrive così bene la sua grande vita all’aria aperta.

Rosa Bonheur seduta con Buffalo Bill e gli indiani del Wild West Show a Parigi nel 1889

 

 

Ritratto del  Col. William F. Cody detto “Buffalo Bill”, Rosa Bonheur, 1889, Whitney Gallery of Western Art Collection.

 

Dopo questo incontro molto commentato dalla stampa, Anna Klumpke, giovane interprete e pittrice americana, accompagna un allevatore di cavalli del Wyoming che voleva congratularsi con Rosa Bonheur. Anna Klumpke non se ne tornerà e vivrà con Rosa fino alla sua morte, nel 1899, e Anna diventerà il legatario universale di Rosa. Muore senza aver completato il suo ultimo quadro di grande formato, La Foulaison, visibile su questa tela dalla sua compagna Anna:

 

Rosa Bonheur, Anna Klumpke, 1898. Metropolitan Museum of Art, New York

 

Stranamente, nonostante tutte le sue eccentricità e le sue idee controcorrente, Rosa Bonheur non ha mai fatto scandalo. Non era un’innovatrice, dipingeva molti animali domestici e si discostava dalle successive correnti moderne… communque… Rispetto a questa donna artista libera e incredibilmente talentuosa!

 

 


 

Leave a comment